27 Gennaio 2021

I milanesi lo chiamano “museo a cielo aperto” e non gli si può certo dare torto: il Cimitero Monumentale di Milano, prossimo all’omonima fermata della metropolitana M5, dove molti turisti e cittadini si recano per la vicinanza al pittoresco quartiere di Paolo Sarpi, è davvero un capolavoro architettonico, una vera istituzione nel panorama della monumentalità meneghina.

Come visitare il Cimitero Monumentale di Milano? Basta scegliere le visite guidate e i tour Neiade Tour & Events!

Visita guidata: il Cimitero Monumentale

Incontro Virtuale: Il Cimitero Monumentale

Il Cimitero Monumentale a lume di candela

La sua costruzione ha già qualche secolo: il Monumentale non esisteva prima dell’Unità d’Italia e a promuoverlo fu un bando comunale vinto dall’architetto Carlo Maciachini, il quale non potè iniziare i lavori prima del 1863

Ad affascinare, ancora oggi, è il gusto eclettico del cimitero che spazia dal romanico al bizantino, dal gotico allo stile pisano.

Il progetto fu ambizioso fin dall’inizio, ma i posteri non restarono delusi: il Cimitero Monumentale di Milano è un luogo di bellezza “immortale”, le cui architetture testimoniano ancora oggi chi fu l’elite che rese grande il capoluogo ambrosiano.

Infatti, se guadagnarsi un posto in paradiso non è così semplice, nemmeno poter vantare di possedere una tomba al Monumentale lo è, affatto. Chi riposa sotto i cipressi dell’opulento cimitero porta di certo un nome che non è passato inosservato alla storia: ci sono i grandi scrittori, come Alessandro Manzoni, gli stilisti d’alta moda, i medici e gli uomini di scienza più illustri e finanche gli editori, come Hoepli, Mondadori e Rizzoli.

Ma questi sono solo alcuni dei nomi di grande fama che si possono citare, perché passeggiando tra i viali del cimitero ci si imbatte in tombe e monumenti funebri dedicati a personaggi davvero intramontabili.

Oggi, però, non vogliamo soffermarci solo sul personaggio, ma piuttosto sulla bellezza di quella “architettura dell’eternità” che si è incarnata nella pietra e nei marmi di tombe, statue, edicole e mausolei del Cimitero Monumentale di Milano.

Se dunque vi trovate di passaggio a Milano, fate un giro turistico al Monumentale e non perdete queste 8 tombe e statue del Cimitero Monumentale di Milano, tra le più belle in assoluto!

Cimitero Monumentale di Milano: cosa vedere assolutamente

  1. Il Famedio

Il cuore del Cimitero Monumentale di Milano, custode delle spoglie dei più illustri personaggi in città. Un’architettura che toglie il fiato, con la grande cupola ottagonale e i riflessi blu cobalto. 

Nella parte centrale spicca l’arca del Manzoni, il primo milanese di fama a trovare posto nel Famedio, mentre alcuni dei nomi sono incisi sui muri e, tra coloro che pur non essendo milanesi hanno dato un grande contributo alla città, c’è persino quello di Giuseppe Garibaldi

Non solo Manzoni: da Carlo Cattaneo a Giuseppe Verdi, Mazzini e Cavour, i quali hanno anche una statua in loro memoria.  

  1. La Tomba di Isabella Casati

Non molto distante dall’Ossario, ecco che troviamo il lavoro in bronzo dell’artista Enrico Butti, in onore della defunta moglie del conte Gian Luigi Casati, scomparsa poco più che ventenne. La scultura raffigura la donna sul letto di morte, con alle spalle un disco che rappresenta una schiera di angeli pronta a portarla con sé a miglior vita. Ricordiamo che Butti fece parte sia della corrente della Scapigliatura, che del simbolismo milanese.

  1. Il Monumento Berardi 

Tra i grandi personaggi milanesi non possono certo mancare gli industriali, coloro che hanno reso grande la città con il loro lavoro. Questo monumento funebre, dedicato all’industriale Edoardo Berardi, è opera di Lucio Fontana: una scultura bronzea che, oltre a omaggiare la figura del defunto, allude all’operosità e alla dignità del lavoro, richiamata dalla ruota dentata a fianco dell’uomo. 

  1. Edicola Feltrinelli

Una delle più belle edicole presenti nel cimitero, opera dell’architetto Guido Casarini. Realizzata nel candore del marmo Botticino, la cappella della famiglia Feltrinelli si ispira al Rinascimento e al Manierismo, come testimoniato dalla splendida e ricca cupola che sormonta l’edicola stessa.

  1. Monumento Elisi

Il richiamo al Liberty è forte, data la presenza del grande disco d’oro dietro le due figure avvolte in un abbraccio: il Monumento Elisi, dedicato alla piccola Adriana (figlia dell’imprenditore Ettore Elisi), raffigura un angelo intento a portare via con sé una bambina. Una scultura dinamica ed emozionante, realizzata in marmo bianco di Carrara ad opera di Francesco Penna.

  1. Edicola Bernocchi

Frutto della collaborazione artistica tra l’architetto Alessandro Minali e lo scultore Giannino Castiglioni, questa edicola si ispira ai rilievi delle colonne commemorative di epoca romana. Ben 110 sono le statue scolpite a rappresentare una triste Via Crucis, con un movimento ascensionale a spirale, davvero suggestivo.

  1. Monumento Prada Corielli

Allievo del Butti, è Enrico Pancera l’artista che ha plasmato quest’opera in bronzo: un monumento che raffigura un angelo in volo, un’anima che ascende all’eterno, immersa in un cespuglio di rose. Si tratta di una delle più belle sculture Liberty del cimitero, che nonostante la sua immobilità riesce a dare movimento e leggerezza alla rappresentazione.

  1. Edicola Campari

Grande e maestosa, l’Edicola Campari è un vero capolavoro: si tratta di un gruppo scultoreo realizzato in bronzo su un massiccio basamento. Il gruppo scultoreo rappresenta l’Ultima Cena ed è stato realizzato per la famiglia Campari, famosa per l’omonimo aperitivo. L’edicola è opera dello scultore Giannino Castiglioni

Avete voglia di fare un giro tra queste meraviglie architettoniche? Neiade Tours & Events sa come guidarvi in una visita del Cimitero Monumentale per farvi scoprire queste e tanti altri importanti mausolei dedicati ai grandi personaggi che lì riposano in eterno. 

Potrebbe interessarti anche: Milano segreta: tour virtuale alla scoperta dei posti nascosti del capoluogo lombardo

Se hai bisogno di organizzare il tuo Evento

Scopri come ricevere uno sconto del 10% valido su tutte le attività in calendario (anche digitali) e rimani sempre aggiornato sulle ultime novità!