Descrizione Format:

C’è un fil rouge che unisce due icone della milanesità: il Duomo ed il risotto giallo allo zafferano. Come nacque la felice unione tra il simbolo per antonomasia della città di Milano e la ricetta che più rappresenta l’eccellenza della tradizione culinaria meneghina nel mondo?
Una guida professionista narra al gruppo dei partecipanti la leggenda di un atto creativo, di cui l’uomo è artefice inconsapevole e illuminato. Un racconto antico, in cui realtà e fantasia si contaminano e si confondono.

Le lucenti vetrate del Duomo di Milano

La storia ha inizio nella grandiosità silenziosa delle immense navate della Cattedrale del Duomo, organismo di pietra vivente e unitario. Nell’aria immobile e greve di incensi, gli sguardi dei partecipanti assecondano la prospettiva lontana tracciata dalla fitta trama dei pilastri nervati. Laggiù, l’opacità della pietra lascia il posto alla luce, origine della bellezza. Risplendono in pace amplissime zone finestrate, che accolgono le vetrate gotiche istoriate, tasselli di un mosaico incastonati come preziosi nel marmo di Candoglia. Maestose pagine colorate del grande libro epico della storia della Salvezza.

Per creare quest’ornata eleganza, i mastri vetrai impastarono sabbia e silice con ossidi coloranti: dal blu profondo al rosa opaco, dal verde al giallo. Ci fu anche chi utilizzò polveri e pigmenti naturali per rendere le cromie più vibranti. Quasi per caso il pigmento giallo dello zafferano finì per colorare anche un risotto, legando così per sempre l’arte vetraria all’arte culinaria.

L’arte culinaria in azione

Gli ospiti, da visitatori a commensali, dopo la visita alla Cattedrale del Duomo si trovano a rivivere il gusto e l’emozione di quest’antica scoperta nello show cooking con degustazione del risotto allo zafferano, coinvolti in un percorso di creazione polisensoriale presso Location Spazio Theca, spazio di design per eventi di prestigio e in posizione centralissima direttamente sul Castello Sforzesco.

I movimenti esperti delle mani e i gesti calibrati dello chef rievocano la maestria artigiana degli artisti vetrai. La vivacità delle cromie rosse, arancioni e gialle, la complementarietà del giallo polveroso e del viola delicato dei fiori: sono i colori prescelti dall’artista culinario. Si spande nell’atmosfera conviviale il profumo persistente e inebriante dell’oro rosso. Le papille gustative si sorprendono accese dal peculiare sapore intenso dello zafferano, amaro-aromatico, con una lieve e insolita reminescenza di fieno.

Si pensi al molto lavoro e alla pazienza che richiede produrre anche una piccola quantità di spezia di zafferano. Tre soli preziosi stimmi da ciascun fiore. Un tempo tuttavia infinitesimale, se paragonato alla prodigiosa e colossale impresa che donò ai milanesi la propria Chiesa.

Non solo Duomo

Il dialogo tra la tradizione culinaria del risotto giallo e il patrimonio artistico culturale meneghino non si esaurisce di certo nella leggenda del Duomo di Milano: tante altre narrazioni attendono i partecipanti, come quella alla scoperta del sodalizio artistico-culinario tra il risotto allo zafferano e le imponenti fortificazioni del Castello Sforzesco di Milano.

Servizi inclusi:

  • Show cooking del Risotto alla Milanese condotto da chef professionisti e degustazione del risotto per tutti i partecipanti
  • Personalizzazione dell’evento per data, orario, programma e timing secondo esigenze di cliente e partecipanti
  • Consulenza, organizzazione e gestione pre-evento ed elaborazione del programma dettagliato
  • Assistenza il giorno dell’evento fino alla conclusione
  • Welcome dei partecipanti all’evento
  • Tour guidato, se previsto, a cura delle guide professioniste di Neiade Tour & Events, anche su richiesta in lingue diverse da italiano o inglese
  • Location/mezzo di trasporto riservati in esclusiva se previsti
Se hai bisogno di organizzare il tuo Evento

Scopri come ricevere uno sconto del 10% valido su tutte le attività in calendario (anche digitali) e rimani sempre aggiornato sulle ultime novità!