Corso: Archistar

Passeggiamo virtualmente tra le architetture di Zaha Hadid, Stefano Boeri, Renzo Piano e David Chipperfield nella Milano che cambia

Immaginiamo la città del futuro: quali saranno i nuovi grattacieli che nasceranno in città? Milano non è solo storia antica ma anche futuro e l’architettura è sempre la protagonista indiscussa dei cambiamenti della città meneghina. Chi meglio di un Archistar può farci vedere con occhi nuovi la continua e profonda trasformazione avveniristica della città? Un viaggio da Milano fino alle più note architteture internazioni, fra le stelle dell’architettura che hanno cambiato il volto delle grandi metropoli fra palazzi futuristici, edifici d’avanguardia e nuovi quartieri pionieristici della nostra città.

Calendario:

Archistar a Milano. La regina delle curve Zaha Hadid
​: sabato 13/10/18 ore 15.00
Relatori: Arch. Monica Torri 

Milano ‘alta’ e Milano internazionale. Stefano Boeri a Milano: sabato 27/10/18 ore 15.00
Relatori: Arch. Gabriele Casillo

Quando la grande architettura parla italiano. Renzo Piano: sabato 03/11/18 ore 15.00   
Relatori: Arch. Monica Torri
     
Archistar e Cultura. David Chipperfield e il Mudec: sabato 24/11/18 ore 15.00
Relatori: Arch. Gemma Iacona

 

Scegli la data qui sotto!
 

MAGGIORI DETTAGLI


​Cosa si cela dietro le innovative costruzioni delle Archistar? A raccontarcelo saranno i nostri esperti architetti. Fra una chiacchiera e l’altra inizieremo i nostri quattro incontri conversando su Zaha Hadid, che con la sua Generali Tower, le residenze e lo Shopping District, ha trasformato l’ex polo fieristico nel più avveniristico quartiere milanese: Citylife. Con la sue Tre Torri , Il Dritto, progettata dall’architetto Arata Isozaki, accanto a cui sorgono lo Storto e il Curvo, i due grattacieli dalla forma insolita progettati da Zaha Hadid e Daniel Libeskind, capirete come questi tre gioielli pionieristici uniscono idealmente non solo la concezione green dei grattacieli con il nuovo parco adiacente, ma hanno trasformato insieme alle torri di Porta Nuova l’intero skyline di Milano.
L’innovazione dello sky-line meneghino con le sue architetture mozzafiato sono divenute icone della città di Milano. Ad attendervi accanto alla Rock Star del nuovo quartiere di Porta Nuova, l’Unicredit Tower di César Pelli, c’è un altro gioiello che i nostri esperti architetti vi racconteranno: il Bosco Verticale, un progetto di Stefano Boeri la cui concezione di grattacielo verde, autosufficiente ed eco-sostenibile è unica al mondo; altra star internazionale è la Sede del Sole 24 ORE di Renzo Piano, progettata con all’interno una collina, per restituire simbolicamente alla città il verde che il costruito le aveva tolto. Ci sbizzarriamo poi con le “eruzioni” vulcaniche in vetro di Fuksas per la Fiera, il “Seme” in legno di De Lucchi in Porta Nuova; le forme “organiche” di Zucchi ad Assago, fino alla modernissima “serra” con gli uffici intorno che, a due passi dai verdi grattacieli iconici di Boeri, spunterà in Porta Nuova con la firma di Mario Cucinella. E per con concludere arriveremo all’inglese David Chipperfield che, recuperando la vecchia fabbrica milanese dell’Ansaldo, ha letteralmente plasmato la doppia anima, di museo e di spazio espositivo, del MUDEC, ma… con qualche polemica!
Un viaggio ricco di incontri quali testimoni eccellenti del costruire sempre più verso in alto nel cielo. Edifici che da protagonisti “parlano” e fungono da scenografico richiamo visivo urbano…Scopriamo la città in modo insolito e innovativo, con uno sguardo internazionale, con le parole delle Archistar che hanno fatto di Milano un luogo da guadare con il naso all’insù!


In collaborazione con

SCOPRI LE ULTIME NOVITA'

Il più ampio catalogo di percorsi culturali e itinerari cittadini, idee ed esperienza decennale per eventi di prestigio in meravigliose cornici storico – artistiche, sono le basi del nostro lavoro di tutti i giorni per rispondere con chiarezza, velocità e passione alle esigenze dei nostri clienti.

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196 del 30 giugno 2003