Conferenza a colazione: Milano al femminile

MILANO A COLAZIONE: Un ciclo di incontri mattutini in SPAZIO THECA per scoprire una Milano incredibile, accompagnati da una gustosa colazione.

Data speciale! Questa mattina la conferenza si svolgerà in via eccezionale
presso lo storico Savini Caffè in Galleria!


 

Continuano i Matinée di Neiade! Un ciclo di appuntamenti presso il nostro SPAZIO THECA, condotti da autorevoli esperti, che proseguirà fino a giugno 2019. Gustando insieme una squisita colazione firmata dal marchio storico SAVINI, porteremo in scena una Milano davvero incredibile, fatta di mille storie, vere o immaginarie, che ne ricostruiscono e ne raccontano l’identità.  


 SPECIALE FESTA DELLA DONNA!

Oggi si parla di... Milano al femminile!
Relatori: Linda Bertella, guida di Milano e storica dell’arte, Lorenza Minoli, architetto progettista, studiosa della relazione donne e architettura e socia dell’associazione Toponomastica Femminile.

Ispiratrici, promotrici, committenti,… e, dalla metà del XX secolo, anche architette progettiste. Le donne sembrano non avere lasciato traccia tangibile nella stratificazione dell’agglomerato urbano: i monumenti, le statue, i mezzibusti, le targhe commemorative o celebrative, la toponomastica, ci trasmettono infatti nomi e volti quasi esclusivamente maschili. Ma se non sono state attrici o primedonne negli spazi pubblici esterni, storicamente preclusi alla loro presenza, né autrici delle nuove architetture, seguendo con diligenza le tracce urbane o utilizzando gli strumenti e i criteri più vari e creativi della storiografia di genere, è possibile arrivare a individuare il loro contributo.
Questo il nostro obiettivo questa mattina: andremo alla ricerca delle grandi donne che hanno costruito la nostra città, raccontando una Milano diversa e inedita, tinta rigorosamente di rosa!
 

MAGGIORI DETTAGLI

(continua Milano al femminile)

E’ interessante ricordare che quest’ultimo riguarda spesso ideali umanitari, assistenziali, di cura, espressi dando origine a istituzioni benefiche, opere pie, ospedali, chiese e monasteri. Proprio in territorio lombardo troviamo le prime fondatrici di ospedali. Uno degli esempi più significativi è la realizzazione del grande Ospedale Fate Bene Sorelle, costruito ex novo in corso di Porta Nuova (1836 l’anno dell’inaugurazione) dall’ impegno congiunto di due donne eccezionali, di diversa estrazione sociale. Laura, che apparteneva a uno dei casati più antichi e prestigiosi della città, i Visconti di Modrone, e all’estremità opposta della scala sociale, l’umile suora laica dotata di grande generosità e spirito di sacrificio, che di fatto fu la prima a dare avvio all’iniziativa, ospitando le prime donne inferme nella sua abitazione. Ma già altre iniziative assistenziali, nascevano per ovviare alle problematiche, talora drammatiche, introdotte in città e nelle società urbana dall’estendersi della rivoluzione industriale e relativo inurbamento. Tra queste le cosiddette “cucine economiche”, le prime mense operaie, le strutture per le madri e l’infanzia abbandonata (alla ruota di santa Teresa e dell’Ospedale maggiore in vertiginoso aumento nel periodo), scuole e istituti per l’accoglimento e la formazione al lavoro delle giovani precocemente avviate alla prostituzione. Andando più indietro nel tempo fino al XV secolo, proprio a Bianca Maria Visconti è riconosciuto un ruolo nella fondazione di quell’Ospedale Maggiore, all’epoca conosciuto come Ca’ Granda, primo ospedale per i poveri della città. Di Bianca Maria è importante anche sottolineare il suo operato nella gestione della diplomazia e della politica, con gesti di protezione nei confronti delle donne, che si evincono dalla sua ampia corrispondenza. Al Castello, voluto da Bianca Maria e dal suo sposo Francesco Sforza, troviamo un’altra traccia costruttiva femminile, la Torre della Rocchetta, meglio conosciuta come la torre di Bona (Bona di Savoia): fortunatamente la targa apposta in occasione del restauro ottocentesco ricorda che fu la vedova a volerla, a maggior protezione della corte dopo l’assassinio del marito.
Vorremmo anche ricordare il contributo femminile fondamentale nell’esperienza dei salotti politico letterari dove, a partire dal ‘600 francese, erano state studiate e apportare le prime modifiche allo spazio abitativo per migliorare la vivibilità in funzione delle esigenze delle dame (Les précieuses) che lì si riunivano. Ma è solo inoltrandoci negli interni abitativi, dei grandi palazzi nobiliari fino ai primi alloggi operai, dove si è svolta la maggior parte della storia delle donne, che di fatto possiamo conoscere qualcosa in più dei rispettivi ruoli e reciproci rapporti, compresi quelli con il grand’uomo proprietario dell’edificio del quale sovente una targa affissa ricorda i meriti o quanto meno che lì «Nacque, visse e morì ». 


Il ciclo Milano a Colazione

Milano, si sa, è una città in continua e profonda trasformazione, che non cessa mai di stupire nemmeno i milanesi doc! Ma è anche una città nascosta, tutta da scoprire. La parola, allora, a storici, giornalisti, studiosi, scrittori e noti esperti di ogni disciplina, che ci condurranno, con occhi nuovi e prospettive sempre alternative, in una passeggiata immaginaria attraverso le meraviglie della città.
Insieme a loro, vi accompagniamo in un viaggio virtuale fra le vie di Milano. L’incontro con strani animaletti, come quel raro esemplare di scrofa semilanuta che ci osserva da un alto pilastro di un palazzo medievale, ce ne svela le origini leggendarie. Insieme a lei il famoso Biscione e tanti altri simboli e  e aneddoti stravaganti o note vicende storiche sono, di volta in volta, i protagonisti di queste storie di Milano. Il tutto è reso ancora più particolare se accompagnato da una raffinata colazione di SAVINI CAFFE’, un marchio che è da sempre intriso di milanesità.
Dopo aver preso parte a questi incontri inediti, potrete dire di conoscere bene una città che è sempre proiettata nel futuro ma che insieme guarda al passato. La Milano che lancia trend sbalorditivi nel campo della Moda e del Design conserva infatti il fascino tutto meneghino del saper fare dietro le insegne delle sue botteghe storiche; la Milano come magico set di capolavori del Grande Cinema, quella che vi lascia attoniti quando puntate l’occhio verso il cielo con le sue architetture avveniristiche o quella buia e segreta dei sotterranei. E poi che dire dei suoi nuovi sapori sempre più internazionali che dialogano con quelli di una volta, con la cucina delle antiche ricette di una volta? Il gusto della tradizione si mescola con i profumi dei nuovi concept stores, nuovi e vecchi quartieri accolgono le opere di street artists che colorano i muri del centro e delle periferie.
In fatto di muri colorati… Leonardo da Vinci docet! Il 2019 festeggerà il 500 anni dalla scomparsa di un genio che impreziosì Milano di inestimabili capolavori. Del Cenacolo Vinciano noi vi regaleremo un’esperienza esclusiva, dedicata non solo alle meravigliose figure che vi sono ritratte, ma anche alla dimensione olfattiva che le avvolge.
Prospettive inedite di una Milano che non si conosce, solo insieme a Neiade!

 

  
Official Food Partner: Savini Milano 1867 

Nato nel 1867, in pieno periodo Belle Epoque, situato in Galleria Vittorio Emanuele II, il Savini ha avuto e ancora ha per la città lo stesso valore del Duomo e della Scala. Dalla nascita, divenne subito il locale più elegante di Milano, salotto di personaggi importanti, letterati e giornalisti, come G. Verdi, Maria Callas, e F.T. Marinetti che proprio al Savini firmò il Manifesto del Movimento Futurista, pubblicato poi nel 1909 su Le Figaro.
Oggi il Savini, suddiviso tra Caffè Bistrot e Ristorante gourmet (1°Piano), mantiene il suo legame con la storia, quella di Milano, della Galleria Vittorio Emanuele II, e del Teatro La Scala rendendogli omaggio con il menu Tradizione e la Cocktail List, con uno stile ed eleganza che accolgono i milanesi e i visitatori stranieri.

SCOPRI LE ULTIME NOVITA'

Il più ampio catalogo di percorsi culturali e itinerari cittadini, idee ed esperienza decennale per eventi di prestigio in meravigliose cornici storico – artistiche, sono le basi del nostro lavoro di tutti i giorni per rispondere con chiarezza, velocità e passione alle esigenze dei nostri clienti.

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196 del 30 giugno 2003