Visita guidata della “piccola Scala”, il Teatro Gerolamo, un gioiellino tutto da scoprire, da poco restituito alla città di Milano dopo un lungo restauro!
Quest’anno vi portiamo a teatro: non solo per raccontarvi la sua storia, ma per farvi vivere una serata o un pomeriggio indimenticabili immersi nella magica atmosfera che solo un teatro storico come il Gerolamo sa evocare. Dopo la visita guidata, dopo una breve pausa ci aspetta… lo spettacolo!
Si spengano le luci ed entrino gli attori dunque, lo spettacolo sta per cominciare.

Il Gerolamo, fratello della Galleria Vittorio Emanuele II

Costruito poco lontano dalle macerie di un teatro e quasi coetaneo della Galleria Vittorio Emanuele II, il Teatro Gerolamo dal 2017 ha finalmente riaperto al pubblico, restituendo ai milanesi un vero gioiello che conserva la storia di Milano dalla Belle Époque fino ai giorni nostri e che merita sicuramente una visita guidata.

Già dalla sua fondazione, il Teatro Gerolamo metteva in scena la milanesità, attraverso gli spettacoli di marionette di Giuseppe Fiando, che dava spazio anche al teatro dialettale in collaborazione con l’Accademia del Teatro Nuovo, dove operavano tra l’altro diversi personaggi della Scapigliatura e molte compagnie dialettali.
Anche dopo la sua morte, il teatro rimase un punto di riferimento per le marionette, ospitando gli spettacoli di molte importanti compagnie come la famosa Carlo Colla & Figli, a cui fu affidato nel 1911 la gestione del Gerolamo.
Furono questi gli anni d’oro del Gerolamo, fino al 1957, quando fu costretto a chiudere per circa un anno, per le sue gravi condizioni di degrado.

Il Teatro Gerolamo: dalle marionette ai grandi attori di Milano

Dal 1958 fino agli anni Ottanta, il palco del teatro era più vivo che mai, ospitando i più grandi interpreti contemporanei come Franca Valeri, Tino Buzzelli, Enzo Jannacci, Dario Fo e Franca Rame, Ornella Vanoni, Domenico Modugno e ancora qualche anno più tardi, Giorgio Gaber, Maurizio Micheli, Paolo Poli e Livia Cerini.
Chiuso nuovamente nel 1983, ha riaperto dopo un lungo intervento di restauro solo nel 2017. Oggi il Teatro Gerolamo, denominato la piccola Scala per la struttura che ricorda il grande teatro milanese con due ordini di palchi, un loggione e una platea, è considerato un gioiello dell’architettura teatrale ottocentesca ed è pronto ad accogliervi per farvi rivivere la magia di un tempo.

La nostra visita guidata, accompagnata dallo spettacolo, sarà l’occasione giusta per vivere un’esperienza magica.

PROGRAMMAZIONE 2021/2022

Domenica 28 Novembre, ore 14.30 – Non Domandarmi di me, Marta mia

Intorno al carteggio Luigi Pirandello – Marta Abba

Ambientato a New York, il 10 dicembre 1936, lo spettacolo teatrale mette in scena il drammatico momento in cui l’attrice Marta Abba, dopo aver annunciato al suo pubblico di Broadway la morte di Luigi Pirandello, si ritrova faccia a faccia con il suo passato nella solitudine della sua camera.
Marta Abba si trova, così, a rileggere le lettere scambiate con Pirandello, tra le quali anche l’ultima di appena sei giorni prima della morte, ma in cui non c’era alcun accenno alla malattia. Attraverso questo scambio l’attrice rivive la loro storia, tenuta segreta e definita da Pirandello stesso nel 1929 “un fatto d’esistenza“.
Quella che emerge dalla regia di Arturo Armone Caruso è una Marta Abba non più forte e sicura, come testimonia il carteggio, ma estremamente vulnerabile al fattore della morte, che la porta a porsi domande fino a quel momento a lei inconcepibili.

Domenica 5 Dicembre, ore 14.30 – Anche per oggi non si muore. Lo strano caso del “Signor G”

Oltre trent’anni di canzoni e monologhi presentati da Giorgio Gaber nella sua formula del “teatro-canzone“, vengono ripercorsi da Stefano Orlandi, con la regia di Omar Nedjari, in quello che vuole essere un omaggio al grande artista.
Dal 1970 con “Il Signor G” fino al 2003 con l’album postumo Io non mi sento italiano, vengono ripercorse le tappe fondamentali dell’opera gaberiana: una produzione che non ha risparmiato niente agli italiani, dai sentimenti collettivi ai sogni e alle preoccupazioni senza tralasciare alcun vizio o vezzo della società con quel tipico tono ironico ma che crea sgomento per le verità raccontate.
La scenografia è essenziale: un tavolo, una sedia, una lampada e due musicisti che sono una parte fondamentale dello spettacolo contribuendo a creare quel legame costante tra parole e musica tanto caro al grande Gaber.

Sabato 5 Febbraio, ore 18.30 – Federico

Attraverso il racconto e il ricordo di una donna, lo spettacolo di Maria Pilar Péres Azpa ripercorre la vita e la poesia di Federico Garcìa Lorca, uno dei poeti spagnoli più illustri e incisivi del Novecento.
Grazie anche agli aneddoti di personaggi come Luis Buñuel, il pittore Salvador Dalì o Pablo Neruda, ci viene rivelata la forte poetica di Lorca, la forza e la musicalità delle sue parole.
Sarà proprio la potenza delle sue parole a intimorire la Spagna seguace del regime di Francisco Franco, talmente colpito che all’inizio della guerra civile spagnola, nel 1936, ne ordinò la fucilazione, insieme ad oltre un milione di altre vittime.

Domenica 20 Febbraio, ore 14.30 – Faber – recital

Con questo studio teatral-musicale, diretto da Domenico Ammendola, si vuole ripercorrere la vita di Fabrizio De Andrè, inconfondibile cantautore genovese, attraverso alcune tappe fondamentali della sua storia.
Accanto a Melania Giglio, attrice e cantante, sul palco troveremo anche Paolo De Gaspari, Alessandro Pivetti e Alessio Tedeschi, che con la loro musica faranno magistralmente rivivere i brani più famosi, importanti ed emozionanti di De Andrè, accompagnati da racconti, episodi e suggestioni di chi ha avuto l’onore di conoscerlo e di essere suo amico.

Giovedì 03 Marzo, ore 18.30 e Sabato 05 Marzo, ore 19.00 (speciale Carnevale) – Gerolamo tra gli Antropofaghi

In occasione del Carnevale, torna lo spettacolo marionettistico della Compagnia Colla che narra le peripezie eroicomiche di Gerolamo.
Già nel repertorio teatrale della Compagnia, nel 1914 Carlo II Colla rivisitò il testo dell’opera che vede come protagonista Gerolamo, beniamino del pubblico milanese del tempo e divenuto proprio il simbolo del Teatro Gerolamo facendo da tramite tra la realtà vissuta dagli spettatori e il mondo epico messo in scena a teatro.
Lo spettacolo si inserisce, infatti, nel filone specifico della Compagnia Colla che vede la mescolanza tra le maschere della Commedia dell’Arte e i miti e racconti epici riportando nuova dignità drammaturgica ai testi.

Sabato 26 Marzo, ore 18.30 – Paper Cut

Lo spettacolo di Yael Rasooly, pluripremiato a livello internazionale, fonde linguaggi diversi del teatro per dare vita ad un racconto surreale che prende pieghe imprevedibili, ma anche profondamente umane.
Protagonista assoluta è una segretaria che, rimasta sola in ufficio, si trova a sfogliare vecchie riviste di cinema che la porteranno a vivere un vero e proprio sogno ad occhi aperti, tornando negli anni Quaranta e incontrando il suo amore ideale. Il sogno romantico, però, man mano si confonderà sempre di più con la realtà, trasformandosi presto in un vero incubo.

Sabato 30 Aprile, ore 18.30 – S’è fatto tardi molto presto

Attraverso un diario semiserio, uno scrittore appassionato di fisica (Edoardo Erba) racconta la sua difficoltà a capire i nuovi concetti che riguardano il tempo, e a intuirne le implicazioni nella vita reale. La narrazione, fatta di brevi flash pieni di umorismo, ha il compito di lanciare le poesie contemporanee che riflettono sul tempo e che costituiscono una panoramica della scrittura poetica attuale, soprattutto dagli anni ’80 in poi. Si vuole dare così risalto alle voci degli autori più attuali, molti dei quali ancora viventi, che, seppur importantissime, sono ancora poco conosciute. Il modo anticonvenzionale di leggerle di Maria Amelia Monti le rende praticabili, vive e vicine. Ogni serie di poesie si conclude poi con una canzone, sempre a tema, interpretata da Massimiliano Gagliardi.

Domenica 08 Maggio, ore 14.30 – Ophelia, the Herb-Woman

Scritto e diretto da Maggie Rose, in Ophelia troviamo un complesso gioco di travestimenti. E’ la storia di Giovanna Field, una donna delle erbe – figura femminile molto diffusa nell’epoca elisabettiana, il cui compito era raccogliere le erbe e i fiori da usare in cucina e per usi curativi – che di sera si traveste e recita insieme ai King’s men, la compagnia di Shakespeare. Nei panni di Giovanni, Giovanna può infrangere le regole di allora che proibivano alle donne di calcare le scene; interpreta infatti con successo eroine famose, come Giulietta, Viola e Caterina, ma è con Ophelia che Giovanna scopre un lato poco conosciuto di questo personaggio.

Sabato 21 Maggio, ore 18.30 – Uomo solo in fila

Dopo l’inesauribile successo di Mi Voleva Strehler, Maurizio Micheli con
la sua ineguagliabile sofisticata ironia porta in scena al Teatro Gerolamo di Milano, sotto la regia di Luca Sandri, un nuovo personaggio vittima consapevole del senso e non-senso della vita. Uomo solo in fila racconta di un uomo solo in coda in un anonimo ufficio di Equitalia a fianco di altri esseri umani che, come lui, aspettano di conoscere il loro destino. Protagonista è l’attesa, quella dell’assurdo quotidiano in cui trovano spazio pensieri, speranze, inquietudine, pazzie, canzoni e… illusioni. Sarà solo il confronto con il proprio vissuto, infine, a svelare il senso profondo della vita.

Domenica 29 Maggio, ore 14.30 – Le tre verità di Cesira

Nato nel 1990 come rappresentazione teatrale a domicilio – un’originale iniziativa di Pupi e Fresedde che intendeva riscoprire il piacere della comunicazione diretta tra attore e spettatore, portando il teatro direttamente in casa della gente – Le tre verità di Cesira, dopo centinaia di rappresentazioni in Italia e all’estero, ritorna adesso in scena al Teatro Gerolamo di Milano con immutato smalto e rinnovato vigore. Un monologo comico nel quale la protagonista – una venditrice di limonate nei vicoli della Napoli dei quartieri spagnoli – racconta a un supposto cameraman del telegiornale tre diverse versioni a giustificazione della presenza di un folto paio di virilissimi baffi sul suo “corpo di donna, femminile”. Tre racconti decisamente surreali, dove la comicità vira spesso verso il grottesco, aprendo squarci amari sulla verità.

A partire da:
€ 29.00
Durata:
circa 90 minuti + spettacolo
Si richiede di presentarsi 15 minuti prima dell’inizio nel punto di incontro indicato.
Punto di incontro:
Piazza Cesare Beccaria, 8, davanti all'ingresso del Teatro Gerolamo

Tappe:

Teatro Gerolamo

Cosa ti attende:

  • Tour guidato del Teatro Gerolamo condotto da guide in lingua italiana
  • Spettacolo teatrale previsto per la giornata, indicato nella scheda del tour
  • Neiade Card e bollini da accumulare per ottenere una visita guidata in omaggio
  • Garanzia Covid Free – Per maggiori informazioni si vedano Termini e Condizioni (punto 9.2.5)

Da ricordare:

  • La visita guidata al teatro, della durata di circa 90′, precede lo spettacolo teatrale
  • L’assegnazione dei posti, per ogni prenotazione, è a discrezione della direzione del Teatro

PROTOCOLLO COVID 19

Protocollo Covid-19

Per partecipare NON è necessario essere dotati di GREEN PASS.

Poche semplici disposizioni per la sicurezza di tutti e per godersi il tour in tranquillità:

  • Obbligo di munirsi di mascherina FFP2 che copra naso e bocca
  • Invito al distanziamento di almeno 1 mt fra un partecipante e l’altro
  • Divieto di partecipazione per chi presenta sintomi influenzali o è in quarantena
  • Qualora nei 14 giorni successivi al tour un partecipante dovesse manifestare sintomi riconducibili a una infezione Covid è tenuto a contattare Neiade Tour & Events (info@neiade.com) così da poter avvisare immediatamente tutti gli altri partecipanti.

Vuoi vivere il tuo Tour privato?

    Cancellazione:

    I biglietti possono essere cancellati fino a 15 giorni prima dello spettacolo.

    Se hai bisogno di maggiori informazioni

      Recensioni

      5
      7 Recensioni
      05/03/2022 22.03
      Bella esperienza
      Luca D.

      Spiegazione esaustiva e coinvolgente

      23/02/2022 07.02
      Faber
      Mario Schiavone

      Ho molto apprezzato l'interpretazione di Fabrizio De Andre e delle sue canzoni. L'organizzazione si è dimostrata efficiente. Consiglierei la frequenza del teatro ad altri.

      11/12/2021 21.12
      Molto bello
      Paola T

      Mi é piaciuto tutto, sia la prima parte dedicata al racconto della storia del teatro e alla visita completa, sia la seconda con lo spettacolo ispirato al personaggio di Gaber. Consiglio a tutti una visita di questo luogo storico di Milano

      06/12/2021 08.12
      Storia e spettacolo
      Ernesto GHEZZI

      Interessantissima la storia del teatro. Per i ircordi della mia infanzia era soltanto un teatrino di burattini, ma ho scoperto che è molto di più. Storia interessantissima seguita da un piacevole spettacolo teatrale. Nessuna difficoltà nella prenotazione. Sì lo consiglierei.

      06/12/2021 08.12
      Teatro Gerolamo
      Silvia Giaretta

      Mi è piaciuta molto la spiegazione fatta dal (penso) direttore del Teatro. Non ho apprezzato molto lo spettacolo. Mi aspettavo un omaggio "serio" a Gaber con le sue canzoni.

      30/11/2021 19.11
      molto interessante e profonde letture
      FIORANGELO FERIOLI

      tutto bene, facolità nella prenotazione, puntualità ,interessante la visita e la spiegazione per il teatro e molto positivo e profondo lo spettacolo

      30/11/2021 14.11
      Magnifico
      Tiziana Berti

      Esperienza interessante,in quanto questo piccolo teatro era sconosciuto per molti di noi partecipi, anche la commedia e' stata rappresentativa, in quanto, emergeva l' anima del poeta drammaturgo di Pirandello che elogiava con i suoi scritti epistolari il suo amore platonico di Marta

      Rimani aggiornato sulle prossime attività in Calendario e scopri le novità della Milano dall'Alto!