16 Novembre 2020

Tour di Milano in un giorno: è possibile girarla tutta in così poche ore? No, ma vogliamo comunque consigliarti i principali tour che dovresti considerare se hai a disposizione poche ore per scoprire la città!

Milan l’è un gran Milan, un evergreen regionale a cui proprio non si può dare torto: la città ambrosiana, capitale della moda, del design e portavoce internazionale del Made in Italy in molti settori è uno dei fiori all’occhiello tra le bellezze dell’Italia settentrionale e, a discapito di quanti possano credere, è una città che fa per tutti

Che tu sia un amante dell’arte, uno shopaholic o un appassionato di tour gastronomici, Milano e i suoi tanti volti sapranno soddisfarti e darti anche – nel caso tu sia mosso da curiosità culinarie – pane per i tuoi denti… Ma cosa vedere a Milano in poche ore?

Tour di Milano in un giorno: eccone 10 imperdibili!

1. Passeggiata nel Cimitero Monumentale

Tour di Milano in un giorno: ecco la prima tappa! A breve distanza dalle torri di vetro di Porta Nuova e dalla street food asiatica di via Paolo Sarpi, il Cimitero Monumentale è una tappa imperdibile per gli appassionati di opere d’arte: qui, infatti, passeggiando tra i viali alberati, si possono ammirare tombe ed effigi funebri di grande valore artistico. Riposano al Cimitero Monumentale, nel Famedio, illustri personaggi del calibro di Manzoni, scrittore per antonomasia del capoluogo meneghino. Un trionfo dell’arte funeraria, per approfondire anche la conoscenza dei personaggi che hanno contribuito a edificare l’immagine di Milano nel mondo.

2. Un giro tra i “giganti” di Porta Nuova

Si vede da diversi angoli della città, alta e fiera: stiamo parlando della Torre Unicredit che domina sulla futuristica piazza Gae Aulenti, cuore del quartiere di Porta Nuova. A pochi passi, il Bosco Verticale figlio della visionaria architettura di Stefano Boeri e la Biblioteca degli Alberi, un ampio spazio di verde protetto da questi “giganti” di vetro. Oltrepassando i grattacieli di Porta Nuova, si arriva in Corso Como – una delle arterie principali della movida milanese. 

3. CityLife, tra shopping e relax

Se per voi Porta Nuova è la zona più avveniristica di Milano, non avete ancora visto le più recenti costruzioni di CityLife, il quartiere scelto dalla coppia Ferragni-Fedez come nido d’amore. Spazi di verde dal grande respiro e “cattedrali di vetro”, erette in occasione di Expo 2015: le tre torri di CityLife portano grandi firme e sono soprannominate “il Dritto, lo Storto e il Curvo”. Partendo da piazza Giulio Cesare, si possono ammirare la grande Fontana delle Quattro Stagioni e i tre grattacieli che sono stati progettati, rispettivamente, da Isozaki, Hadid e Libeskind e oggi circondano il CityLife Shopping District – un centro commerciale che ospita anche una zona food e un multisala. 

4. Sui passi di Leonardo Da Vinci

Poco distante dal Parco Sempione, oltre piazza Cadorna, si può passeggiare lungo corso Magenta per ritrovarsi sulle tracce di Leonardo Da Vinci: presso la Basilica di Santa Maria delle Grazie potrete ammirare niente poco di meno che l’Ultima Cena leonardesca, il celeberrimo dipinto murale noto anche come Cenacolo. Poco lontano dalle Grazie, ecco un altro capolavoro leonardesco… non è l’originale, ma è una copia altrettanto magnetica: stiamo parlando della Vergine delle Rocce attribuita all’allievo di Leonardo, Francesco Melzi, che oggi è custodita all’interno del complesso monastico di San Michele sul Dosso.

Ma il faccia a faccia con il grande maestro non finisce qui, perché rimanendo in corso Magenta, potrete visitare anche la sua splendida Vigna, prima di dirigervi verso il quartiere di Sant’Ambrogio. Poche fermate di tram ed eccovi a passeggiare in uno degli angoli più antichi e pittoreschi di Milano: la piazzetta delle Colonne di San Lorenzo, dove i giovani si riuniscono la sera per un drink e quattro chiacchiere.

5. Alla scoperta della Milano sotterranea

Basta scendere a quattro metri di profondità per scoprire un altro affascinante e misterioso volto del capoluogo ambrosiano: un tour della Milano sotterranea vi porterà alla scoperta dell’area archeologica al di sotto di Piazza Duomo e dell’antica Cripta di San Giovanni in Conca, alla cui basilica appartengono le rovine romaniche ancora visibili in piazza Missori.

Sotto le strade di Milano si vive l’esperienza di un vero e proprio ritorno al passato più remoto, ammirando i resti del Battistero di San Giovanni alle Fonti – dove sembra che Sant’Ambrogio battezzò Agostino d’Ippona – e l’antica Basilica di Santa Tecla. Un bel salto indietro nel tempo!

6. Tour del Duomo

Si erge fiero al centro della grande piazza cittadina, il capolavoro gotico dedicato a Santa Maria Nascente, più semplicemente noto in tutto il mondo come Duomo di Milano. Simbolo indiscusso della città e con cui rivaleggiare è impossibile, il Duomo vanta il record di essere la chiesa più grande d’Italia (escludendo ovviamente San Pietro in Vaticano), ma è anche la quarta più grande d’Europa e la quinta al mondo. Niente male, dato che è proprio la sua maestosità ad affascinare, mentre lo si ammira da ogni scorcio: le sue guglie gotiche e il suo interno illuminato attraverso vetrate colorate vi lasceranno senza fiato. 

7. Quartiere Brera e la Pinacoteca

Proseguiamo nel quartiere storico di Milano, un vero e proprio borgo all’interno della metropoli fatto di viette ciottolate, botteghe storiche e gallerie d’arte simbolo della Vecchia Milano, il quartiere Brera! Qui scopriamo non solo l’anima più storica della città, ma anche il suo lato più green e moderno, che anima l’odierno Brera Design District (con il quale siamo lieti di collaborare, clicca qui per saperne di più). Tra queste vie, ci imbattiamo nel complesso del Palazzo Brera, edificio storico che ospita l’Accademia di Belle Arti, la Biblioteca Braidense, e ovviamente la rinomata Pinacoteca di Brera, una delle istituzioni museali più importanti di Milano e d’Italia, sicuramente una meta culturale da non perdere quando si visita Milano in 2 giorni.

8. Da via Dante fino al Castello Sforzesco

Ci possiamo dunque muovere e imboccare via Dante dopo aver attraversato piazza Mercanti, una delle vie centrali di Milano, sede di numerosi negozi e locali, che collega piazza Duomo a piazza Castello… qui ci troviamo dunque di fronte al simbolo del passato ducale di Milano, il Castello Sforzesco, una vera e propria fortificazione nel cuore della città! Entriamo dunque nel pieno della storia milanese, e ci troviamo circondati dai racconti dei grandi signori che hanno governato la città nel corso dei secoli, a partire dalle casate dei Visconti e degli Sforza. Possiamo in seguito rilassarci e passeggiare nel polmone verde della città, Parco Sempione, il parco principale di Milano. Qui scopriamo i numerosi tesori che il parco ospita, simbolo di leggende e tradizioni meneghine, e ci concediamo una sosta pranzo in uno dei bar che popolano il parco, come quello all’interno della Triennale di Milano!

9. La maestosa Scala di Milano e il museo teatrale

Ancora pochi passi vi basteranno per raggiungere la famosa Scala di Milano: il teatro dell’opera si trova nell’omonima piazza della Scala e vi affascinerà con la sua eleganza neoclassica, che ha la firma di Giuseppe Piermarini. Il suo palcoscenico negli anni ha ospitato grandi voci della lirica, come la divina Callas e compositori e musicisti del calibro di Verdi e Paganini

Oggi è possibile visitare le sale del Museo del Teatro alla Scala dove ripercorrere il fasto delle stagioni teatrali, fin dai tempi di Eleonora Duse, per giungere alla scoperta di testimonianze storiche e cimeli unici come il ciuffo di capelli del celeberrimo Mozart. 

10. Le fondazioni e i centri d’arte contemporanea
Milano ha grandi istituti secolari che ne rappresentano la lunga storia, ma è anche la città che più di ogni altra si apre all’innovazione e alla contemporaneità, anche nell’arte. Se non si sa cosa fare quando piove, perché non approfittarne per andare dunque alla scoperta dei centri e dei poli espositivi che meglio raccontano lo spirito di ricerca artistica di Milano? Potete dunque riscoprire l’arte, principalmente italiana, del secolo scorso al Museo del Novecento, a pochi passi dal Duomo, perdervi tra le sale del Mudec in una delle numerose mostre immersive che propone, oppure proiettarvi nel futuro con le esposizioni ricercate ed innovative della Fondazione Prada. Se non volete comunque rinunciare a fare due passi in giro per la città, potrete trovare riparo dalla pioggia nelle numerose gallerie d’arte contemporanea che popolano alcuni quartieri di Milano, come Lambrate o Cinque Vie!

Se hai bisogno di organizzare il tuo Evento

    Dai un occhio a tutte le novità in arrivo per scoprire la nostra Milano anche nella suggestiva atmosfera dell'autunno!