Tra le ossa del Sepolcreto della Ca’ Granda di Milano

Visite notturne alla CSI insieme ad esperti forensi alla Cripta della Ca' Granda di Milano

Un tour straordinario ed esclusivo nell’antica Cripta della Ca’ Granda di Milano: per la prima volta le nostre guide saranno gli esperti del Labanof (Laboratorio di Antropologia e Odontologia Forense), che, mostrando al pubblico veri resti di ossa umane sepolte nei secoli nel Sepolcreto, ci sveleranno i segreti del loro incredibile mestiere. Come un vero team di “esperti forensi” scopriremo in cosa consiste il lavoro di rilevamento e studio di resti umani di epoca storica, approfondendo casi di ritrovamenti proprio legati al Sepolcreto. Vere proprie visite-indagini da CSI, per esplorare la vita di Milano fin dai tempi di Leonardo.
 

MAGGIORI DETTAGLI



Dopo tanti anni di silenzio finalmente aprono in tutto il loro splendore l’Archivio storico e la Cripta della Ca’ Grandal’Ospedale Maggiore di Milano, un luogo importante e in grado di rivelarci aspetti insoliti della Storia della nostra città.
Durante il nostro tour speciale vi racconteremo la Milano di un tempo, attraverso la storia di questo Ospedale, lo Spedale dì Poveri, dei milanesi veri, una storia fatta di quotidianità, costumi, società, e medicina dell’epoca.
Una Storia che oggi possiamo ricostruire anche e soprattutto grazie a loro, gli antropologi del Labanof, nonché esperti paleoarcheologi.
Ed ecco che scesi nella misteriosa Cripta della Ca’ Granda la parola passa a loro, pronti a raccontarci i segreti del loro affascinante e meticoloso mestiere. Entriamo subito in medias res con un particolare identikit: osservando due scheletri di origine storica o archeologica, ricostruiremo il profilo biologico di quelli che secoli orsono dovevano essere stati un adulto e un bambino, ipotizzando malattie, traumi fino alla possibile causa di morte.
Saranno poi sempre gli esperti forensi a spiegarci che nascosti sotto la Cripta, nel misterioso Sepolcreto, riposano ben cinquecentomila corpi umani, ormai ridotti a ossa, resti di persone ricoverate qui un tempo e non solo. Tramite un panello esplicativo ed una piccola ricostruzione contenente un campione di resti ossei, ci illustreranno gli studi fino ad ora condotti nonché i casi più emblematici e rappresentativi (ma anche più oscuri) della realtà milanese, ai tempi di Leonardo. Pensate, scavando all’interno di una delle camere sepolcrali della Cripta, sono stati ritrovati i resti di una persona probabilmente affetta da nanismo, scoperta dalla quale possiamo dedurre che questa patologia colpiva già la popolazione, seppur più raramente, anche nel XV secolo.
Tra mille aneddoti, storie e curiosità su usi e costumi della Milano di un tempo, incontreremo i Catelani, medici legali o meglio necroscopi, veri e propri detective dell’epoca, il cui lavoro li portava a visitare le case in cui si era consumata una morte sospetta e ad effettuare una specie di autopsia.
E dai Catelani e i crimini di un tempo, passeremo a quelli moderni. Le stesse tecniche e discipline che impareremo insieme agli esperti del Labanof, si possono infatti applicare anche alla moderna criminalistica, sulla scena del crimine oppure in laboratorio. Ricreando un caso fittizio, come un vero team di CSI, cercheremo di ricostruire la verità attorno a casi di omicidio e occultamento di cadavere. Passato e presente si riuniranno così attraverso la scienza!
Queste e tante altre sono le storie curiose che letteralmente emergono dai sotterranei della Ca’ Granda, che ancora una volta rivela la vera storia dei milanesi, dai più poveri ai più eroici e innamorati della propria città. Un grande patrimonio per la storia dell’antropologia e della medicina!

SCOPRI LE ULTIME NOVITA'

Il più ampio catalogo di percorsi culturali e itinerari cittadini, idee ed esperienza decennale per eventi di prestigio in meravigliose cornici storico – artistiche, sono le basi del nostro lavoro di tutti i giorni per rispondere con chiarezza, velocità e passione alle esigenze dei nostri clienti.

Autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del Dlgs 196 del 30 giugno 2003