16 Novembre 2022

Negli ultimi anni, è proprio il caso di dirlo, l’arte contemporanea a Milano è diventata di casa! Eventi, importanti fiere del settore come Miart, mostre nei principali poli espositivi cittadini e nelle gallerie private hanno consolidato la fama del capoluogo meneghino come centro di rilievo internazionale per l’arte contemporanea, oltre che per il design. Le trasformazioni urbanistiche e architettoniche che di recente hanno rivoluzionato quartieri come Porta Nuova e Citylife hanno fatto il resto, regalando alla città un volto sempre più moderno, avanguardistico, innovativo, fra grattacieli e nuove aree green… Entro il 2030 dobbiamo aspettarci tante altre novità, in vista delle Olimpiadi Milano Cortina 2026 e della concretizzazione di interessanti progetti di riqualificazione urbana, dallo Scalo di Porta Romana alla Magnifica Fabbrica del Teatro alla Scala in zona Rubattino.

Nel frattempo, quali sono le mete da non perdere per gli amanti dell’arte contemporanea che si trovano a Milano? Dal Museo del Novecento alla Fondazione Prada, dalle Gallerie d’Italia all’ADI Design Museum, i musei e le collezioni d’arte contemporanea di certo non mancano, accanto al fitto tessuto di gallerie private e poli espositivi che propongono una programmazione costantemente aggiornata di mostre temporanee. E se rimane il timore di non comprendere fino i fondi i significanti delle opere d’oggi, una visita guidata con le nostre guide professioniste è la soluzione giusta per scoprire luoghi, capolavori e linguaggi dell’arte contemporanea in modo approfondito e al contempo divertente, alla portata di tutti.

Le mostre d’arte contemporanea a Milano, appuntamenti da non perdere

Fra gli appuntamenti che gli amanti dell’arte contemporanea a Milano devono senz’altro segnare in agenda – considerata la natura temporanea delle iniziative – ci sono le mostre organizzate dai principali poli espositivi cittadini, come Palazzo Reale, il Mudec, Gallerie d’Italia o la Fabbrica del Vapore… solo per citarne alcuni! Per la stagione espositiva 2022-2023 si distinguono in particolar modo la retrospettiva dedicata a Max Ernst nelle sale di Palazzo Reale, un viaggio nel colorato universo onirico del pittore tedesco, e la grande monografica di Andy Warhol negli spazi postindustriali della Fabbrica del Vapore, dove sono raccolte oltre duecento opere del celebre inventore della Pop Art. Un fitto calendario di visite guidate vi permetterà di conoscere i capolavori esposti nelle due mostre, preziosi occasioni per immergersi nella storia dell’arte del Novecento.

La GAM, per riscoprire l’arte dell’Ottocento

Nella splendida cornice neoclassica della Villa Reale progettata da Leopold Pollack per il conte Lodovico Barbiano di Belgiojoso, la GAM accoglie la più grande collezione municipale a Milano di opere d’arte dell’Ottocento. Un salto nel tempo, dunque, alle origini della contemporaneità, per ammirare una lunga serie di grandi capolavori, dal Neoclassicismo alla Scapigliatura, dal Romanticismo milanese fino al Divisionismo e al Simbolismo di fine secolo. La raccolta ospitata nella Villa Reale dal 1920 custodisce anche alcuni preziosi lasciti privati, come le collezioni Grassi e Vismara, comprensive di oggetti appartenenti a diverse culture extraeuropee e notevoli opere d’arte novecentesca.
Soprattutto nella bella stagione, impossibile non perdersi a cercare alcune belle opere d’arte anche nell’affascinante giardino all’inglese della villa, come le drammatiche sculture del milanese Adolf Wildt. A pochi passi, infine, impossibile dimenticare il PAC, Padiglione dell’Arte Contemporanea istituito dal Comune di Milano nel 1954 e spazio privilegiato per le esposizioni d’arte contemporanea in città.

Il Museo del Novecento, al centro di Milano

In piazza Duomo, il Palazzo dell’Arengario ospita il museo che per eccellenza racconta la storia recente dell’arte contemporanea: è il Museo del Novecento, istituzione fra le più vivaci del panorama milanese, destinata a trasformarsi (o meglio, “raddoppiarsi”) già nei prossimi anni!
La ricca collezione permanente (in costante accrescimento) ripercorre le stagioni principali dell’arte del XX secolo: le Avanguardie internazionali, il Futurismo di Boccioni e Balla, le vedute metafisiche di De Chirico, i Valori Plastici di Giorgio Morandi, l’Astrattismo di Fausto Melotti, lo Spazialismo di Lucio Fontana… e poi, in un’ulteriore ricerca di sperimentalismo, l’Informale, l’Arte Cinetica o l’Arte Povera.
Da non perdere, una sosta nella sala più panoramica del Museo, dove campeggia la Struttura al Neon di Lucio Fontana, un arabesco fluorescente di luce bianca capace di illuminare ogni sera l’antistante piazza Duomo e l’ingresso della Galleria Vittorio Emanuele.

Gallerie d’Italia, raccolta di tesori dall’Otto al Novecento

Per chi ama la contemporaneità, altra tappa milanese imprescindibile è una visita ai tesori di Gallerie d’Italia, istituzione accolta nella scenografica cornice di piazza della Scala a Milano grazie alla collaborazione di Fondazione Cariplo e Banca Intesa Sanpaolo. Negli spazi di tre splendidi palazzi storici (Palazzo Brentani, Palazzo Anguissola Traversi l’ex sede della Banca Commerciale Italiana), oltre alle mostre temporanee, trovano posto centinaia e centinaia di capolavori dell’Ottocento e del Novecento: da Antonio Canova a Segantini e Previati, da Umberto Boccioni a Lucio Fontana, fino alle Neo e alle Transavanguardie. In particolare, è nel palazzo della Banca Commerciale Italiana, progettato dall’architetto Luca Beltrami, che sono raccolte le opere appartenenti al cosiddetto Cantiere del Novecento: una collezione interamente dedicata alle molteplici correnti del XX secolo. Un vero e proprio labirinto di arte, forme e colori e movimenti artistici in cui sarebbe facile perdersi senza l’aiuto di una valida guida, con la quale cogliere oltre un linguaggio astratto e fortemente concettuale i significati, le angosce e le speranze dei grandi autori del Novecento.

La Triennale, agli albori del design

Spostandoci dai palazzi del centro storico al polmone verde di Parco Sempione, un’altra meta imperdibile alla scoperta della Milano contemporanea è senz’altro la Triennale. Presso il Palazzo dell’Arte, sede storica della Triennale di Milano, trova sede da pochi anni il Museo dedicato al Design, eccellenza tutta milanese. Accanto alle numerose mostre temporanee, l’allestimento permanente del Museo del Design propone un percorso dinamico e insolito, alla scoperta della storia della Triennale (iniziata nel lontano 1923!) e delle grandi icone della creatività italiana, dal Dopoguerra agli anni Ottanta del XX secolo. Firmati da grandi designers come Achille CastiglioniVico Magistretti, Giò Ponti o Ettore Sottsass, i capolavori raccolti raccontano una forma diversa della contemporaneità, connubio di artigianalità e sperimentazione tecnologica: oggetti funzionali diventati vere e proprie icone dello stile made in Italy.

La Fondazione Prada, polo dell’arte contemporanea a Milano

Fra i luoghi più sorprendenti della Milano contemporanea c’è poi la Fondazione Prada, centro polifunzionale dal concept innovativo, capace di unire arte e architettura contemporanea in uno spazio di archeologia industriale sapientemente recuperato dallo studio OMA dell’archistar Rem Koolhaas. Siamo vicini allo scalo ferroviario di Porta Romana, in un’ex distilleria che nei suoi veri edifici, vari per funzione e volumi, accoglie un’eccellente selezione dell’arte contemporanea internazionale, dal XX secolo ad oggi, oltre che un ricco palinsesto di mostre e iniziative culturali. Se la palazzina dorata chiamata Haunted House è l’icona forse più fotografata di Fondazione Prada, è nella Torre di sei piani che si trova oggi il cuore della collezione raccolta negli anni da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, in dialogo con il critico Germano Celant. Il progetto, intitolato non a caso Atlas, si propone come “mappa” per orientarsi fra le tendenze più rivoluzionarie dell’arte contemporanea, con opere di artisti di fama mondiale come i palloncini specchianti di Jeff Koons o le provocatorie creazioni di Damien Hirst, poste in dialogo con il panorama delle periferie urbani circostanti.

L’ADI Design Museum, recente novità fra i musei di Milano

Per chi ama la storia e i capolavori del design, è infine nato da pochi mesi l’ADI Design Museum, a pochi passi dal Cimitero monumentale e dal quartiere Paolo Sarpi, la Chinatown milanese. Il nuovo spazio museale è interamente dedicato alle icone del design italiano ed internazionale: una carrellata ispirata alla storia del prestigioso premio Compasso d’oro ADI, istituto da Gio Ponti. L’edificio, un ex deposito di tram, accoglie oggi una ricca collezione di oggetti e progetti, considerati fra le innovazioni più moderne e le più geniali invenzioni del design contemporaneo. Qualche esempio indimenticabile, fra i molti proposti? L’intramontabile Fiat 500 del 1959, il simbolo della Regione Lombardia disegnato nel 1979 o la Brand Identity delle Gallerie degli Uffizi progettata nel 2020.

Curiosità

Dove ammirare l’arte contemporanea a Milano? Non solo al Museo del 900 o nelle famose case museo con importanti collezioni. Questa volta andiamo al parco…
A Milano l’arte non è chiusa solo nei musei e non sempre serve un biglietto per entrare. Nel capoluogo lombardo, anche i parchi ci riservano grandi sorprese! Uno dei parchi più recenti è quello che si sviluppa attorno alle Tre Torri e ai bizzarri edifici residenziali simili a navi da crociera: siamo proprio a Citylife. Cosa ci nasconde? Citylife è ormai un vero e proprio museo a cielo aperto.

Dal 2016, infatti, passeggiando nel parco non sarà difficile imbattersi in qualche opera d’arte, alcune particolarmente evidenti, altre un po’ più nascoste.
Che cos’è? Si chiama Artline Milano ed è un progetto di arte pubblica proprio del Comune. Non vi viene in mente niente? Tra le tante opere d’arte sparse per il parco, è impossibile non notarne alcune. In primis “Coloris”, i pali metallici colorati diventati ormai un simbolo del progetto. Avete mai incontrato “Filemone e Bauci”? Sono le due colonne in alluminio dalle forme umanizzate e strette in un abbraccio. E soprattutto fate caso alle “Vedovelle”, non sono tutte uguali!

Se hai bisogno di organizzare il tuo Evento

    Dai un occhio a tutte le novità in arrivo per scoprire la nostra Milano anche nella suggestiva atmosfera dell'autunno!